Maiuri: “Meno brillanti, ma vinto da squadra intelligente. Teniamo alta la guardia!”

Pubblicato in Qui falchetti il 07 novembre 2021

Il tecnico Maiuri commenta così la vittoria: “Avevamo rispetto del Matino e tra le dieci squadre che abbiamo affrontato è quella che mi è piaciuta di più. Dai video che avevamo visto prima di questa sfida era emerso che hanno sempre espresso un buon gioco. Da anni lavorano con gli stessi giocatori e lo stesso allenatore, e in campo si è visto. Sono una squadra rodata. Noi non siamo stati brillantissimi sul piano atletico perché venivamo da una guerra su un campo pesante come quello di Nocera. Ho visto alcuni in grande difficoltà, altri rimasti in campo con degli infortuni perché non avevamo dei cambi lì dietro, e mi auguro che non sia nulla di particolare. Questo ci ha fatto un po’ abbassare. Abbiamo vinto perché abbiamo vinto da squadra intelligente, creato le nostre occasioni. Chiaro che dal punto di vista del gioco abbiamo fatto un passo indietro, ma non è un problema, anche perché il Matino fin qui si era dimostrata squadra capace di fare bene in trasferta”.

“L’assenza di Vicente? E’ l’unico che è un play vero in questa squadra. L’unico che ha la verticalizzazione pronta di pensiero, più che di tecnica. Oggi siamo andati in campo con altre caratteristiche, con gente che era anche fuori ruolo come Feola che è una mezzala. Ha dato tutto, considerando anche che veniva da un lungo stop. Ha caratteristiche chiaramente differenti. Capitano? E’ entrato bene, è giovanissimo. Si è disimpegnato bene, ma deve lavorare ancora tanto. Sono contento per lui che si è sempre allenato con grande serietà. I gol degli attaccanti? Sono contento quando segnano, per loro. E’ il loro pane. Anche Sansone troverà il gol perché si sta dando da fare in maniera incredibile e sta lavorando con tanta energia”. “Dobbiamo capire che è giusto cavalcare l’onda, ma bisogna stare molto attenti. In questo campionato tutti possono perdere punti. Basta poco e cambia il vento cambiando in negativo la classifica. Quindi prendiamoci quanto di buono è stato fatto, ma pensiamo a migliorare se vogliamo il 15 di maggio avere un posto al sole. Ci manca qualcosa, la cura maniacale sul particolare, non certo la perfezione”.

“Lavello e Bitonto? Sono due squadre importanti che hanno fatto grossi investimenti. Arrivano in questo momento e le affronteremo con tranquillità e con la sicurezza che faremo bene.