La gioia di Starita: “Avrei voluto spaccare la porta. Sempre uniti, anche nelle difficoltà!”

Pubblicato in Qui falchetti il 01 marzo 2020

“Il primo ho pensato di incrociare forte. Avevo voglia di spaccare la porta. Sul secondo ho pensato che l’unica soluzione fosse il tocco sotto. Per fortuna è andata bene”. Una vera e propria liberazione per Ernesto Starita. Torna al gol e la Casertana riabbraccia i tre punti: “Oggi avrebbe potuto segnare pure Crispino. Era fondamentale vincere. Venivamo da un periodo in cui tutto andava storto. Chiaro che sono felicissimo di essermi sbloccato. Ma ancor di più perché siamo tornati al successo. Quando ho visto la Cavese prendere due traverse in apertura di gara ho pensato che fosse un segnale positivo”.

LA COPPIA CON CASTALDO – “Giocare con Gigi è un onore. Gigi è Gigi. Mi sta aiutando a crescere come tutti gli altri ‘grandi’. Quello che ci ha sempre contraddistinto è la compattezza del gruppo, anche quando le cose non giravamo per il verso giusto. Domenica mancherà per squalifica. E’ un giocatore importante. Ma la forza di questo gruppo è l’unione di tutti. E sicuramente chi andrà in campo darà il suo meglio”.

CONTRATTO – E sul futuro l’attaccante sorride e si lascia andare giusto a qualche parola: “Ci siamo incontrati e lo faremo ancora. Sono ottimista”