Ginestra: "Mi fido dei miei ragazzi. Con una prestazione super possiamo fermare il Bari"

Pubblicato in Qui falchetti il 14 dicembre 2019

“Oltre a Castaldo, Floro Flores e Lezzi, bisognerà valutare Laaribi che questa mattina ha preso una botta al ginocchio e che comunque figura tra i convocati per domani". Dovrà fare ancora a meno di alcuni elementi chiave, ma mister Ginestra punta dritto all'attesa sfida di domani: “E’ un’altra partita di difficoltà enorme perché il Bari è una squadra fortissima. Come la Reggina e la Ternana. Vengono da tredici risultati utili, è in salute ed ha dei valori altissimi per questa categoria. Ma noi possiamo fare bene perché veniamo da una vittoria importante come quella di Terni. E speriamo che l’entusiasmo ci porti a fare qualcosa di importante, anche con un pizzico di follia. L’entusiasmo per la vittoria del Liberati sicuramente ti aiuta a lavorare meglio. Ma noi dobbiamo essere bravi a capire che il Bari è altrettanto forte e se non abbiamo la stessa intensità, cattiveria e capacità di soffrire, facciamo fatica. Il Bari ha pochissimi punti deboli e dobbiamo cercare di colpirli proprio lì. Necessaria massima attenzione in fase difensiva perché hanno giocatori che possono farti davvero male”.

BANCO DI PROVA – “Sicuramente la gara di domani darà indicazioni importanti. Non siamo stati una squadra con molto equilibrio fin qui dal punto di vista dei risultati. Questa può essere senza dubbio una tappa importante per crescere da questo punto di vista. Ai ragazzi chiedo sempre la prestazione, perché il risultato è figlio di diverse situazioni. E’ vero, sì, siamo giovani. Ma è il momento che anche loro capiscano che ora bisogna mettere i tasselli al posto giusto. Possiamo fare bene anche con il Bari. L’unico pericolo è la vittoria la Ternana. Questa settimana possiamo capire ulteriormente chi siamo. Se facciamo risultato importante significa che siamo sulla strada giusta. Chiaro che domani verrà fuori anche la qualità individuale. Ci troveremo di fronte giocatori che erano in A lo scorso anno. Anche io mi troverò di fronte un allenatore di altra categoria. Questo per noi deve essere uno stimolo ulteriore. Anche i più giovani sono pronti per sfide come questa. Sono fiducioso. Conosco i miei calciatori. Se facciamo una partita super possiamo battere anche il Bari”.

I TIFOSI – “Giovedì sera ho percepito tantissimo entusiasmo. Mi aspetto sempre una grande mano da loro. Al di là del numero di presenti, la nostra gente c’ha sempre dato una mano. Chiaro che domani mi aspetto qualcosa di più. Vista la vittoria di Terni, l’entusiasmo per il nuovo stadio e il blasone dell’avversario che andiamo ad affrontare. MI aspetto la spinta nei momenti di difficoltà. Con loro al nostro fianco possiamo arrivare ovunque”.

IL PRESIDENTE – “Il presidente vuole sempre vincere, non solo col Bari. So che per lui è una partita importante e vorremmo regalargli una gioia per quello che sta facendo per la città e per noi, non facendoci mancare nulla. Se lo merita. Dobbiamo dare qualcosa in più anche per dare una gioia alla nostra proprietà”.

AVELLINO - “Ci tengo a chiarire una vicenda che ha tenuto banco nei giorni scorsi. Qualcuno ad Avellino ha scritto e detto che ho attaccato l’Avellino. Sono state dette cose non vere. In conferenza avevo detto che avendo vinto la squadra irpina a Terni, significava che era possibile farlo, ritenendola una squadra cattiva come noi e che come noi deve puntare alla salvezza. Sottolineando che con quelle parole non volevo certo intendere che l’Avellino fosse una squadra scarsa. Tutt’altro. Sono stato frainteso, o magari mi sono espresso male. Voglio ricordare che nel post gara del derby in sala stampa i giudizi erano molto severi nei loro confronto ed io sono stato l’unico a dire che si sarebbero salvati tranquillamente con Capuano. Anzi devo ringraziarlo perché ho fatto la stessa partita che lui aveva impostato a Terni vincendo. Ci tengo a precisare tutto questo perché non mi piace che si dicano di me cose non vere”.