Castaldo: “Giorni di ansia e paura. Peccato aver affrontato questa gara così rimaneggiati”

Pubblicato in Qui falchetti il 13 dicembre 2020

Con la sua esperienza ha provato a dare tranquillità al gruppo in un momento difficile. Gigi Castaldo racconta così quelli che sono stati gli ultimi giorni della Casertana: “Abbiamo trascorso due giorni in ansia dopo i sette positivi nel nostro spogliatoio. C’è stata tanta paura ed è stata davvero una trasferta particolare. Peccato essere arrivati a questa gara così rimaneggiati. Siamo stati costretti a giocare 90’ su un campo pesante e questo fa la differenza sotto il profilo fisico quando hai tante assenze. Con qualche uomo in più sarebbe stata un’altra partita. Purtroppo il virus è un problema con cui tutte le squadre devono fare i conti. Ho cercato di dare tranquillità ai ragazzi a cui non posso che fare i complimenti per la prestazione. Non era facile oggi. Anche per il mister che ha dovuto cercare di gestire questa situazione. Bisogna stringere i denti. Il momento è questo e dobbiamo farci trovare pronti. Abbiamo la nostra mentalità, facciamo quello che vuole il mister e cerchiamo sempre di giocare a calcio. Ma è davvero difficile così. Il fallo in area su di me? Ha colpito il mio ginocchio e non ha presto la palla e l’arbitro avrebbe potuto fischiare il rigore. Il rosso a Buschiazzo? Non c’era. E’ arrivato a cercare di calmare gli animi”.